psicologia clinica psicologia emotocognitiva disturbi psicologici diagnosi e cura


centro psicologia diagnosi e cura

NUMERO UNICO
psicologi in varie città

ATTENZIONE
ad agosto 2013
il numero è
(+39) 392 5599404
www.ctpsi.it

 
Home Page
Dipartimento
Disturbi e Sintomi
Diagnosi & Cura
Domande Psicologo
Centri di Psicologia
Corsi ed Eventi
Rivista Psicologia
Contatti

scienza salute informazione ricerca formazione pubblicazioni scientifiche
 

Domanda

Ossessioni e Compulsioni
Esiste una cura senza farmaci per le ossessioni e le compulsioni?
Durante il giorno mi vengono in mente pensieri che non desidero e che mi fanno paura allora mi sento costretto a dire delle frasi in modo da scacciare questi pensieri ossessivi. Tutto questo mi occupa tantissimo tempo e non mi fa vivere più, mi sento depresso. Si può guarire? Mi dica la verità.


Indice Domande e Modulo Richieste
I Nostri Collaboratori


Risposte dello Psicologo

Risposta
Oggi abbiamo a disposizione numerosi strumenti di tipo psicologico per risolvere o comunque migliorare notevolmente i problemi come ossessioni e compulsioni. L'intervento psicologico per definizione non utilizza farmaci in quanto mira a riorganizzare funzionalmente (tecnicamente armonizzazione) i processi psico-sociali che sostengono il problema e potrebbero aggravarlo nel tempo.
Il disturbo ossessivo-compulsivo può essere molto invalidante ed il tempo che la persona occupa per mettere in atto i rituali che, in questo caso hanno l'obiettivo di neutralizzare i pensieri ossessivi, possono davvero compromettere la vita della persona gravemente.
Uno dei problemi principali è la paura e l'imbarazzo per le proprie ossessioni (che spesso vengono considerate assurde) ed i propri comportamenti che portano ad evitare luoghi, persone e situazioni compromettendo ancora di più il normale funzionamento della persona e spesso associando al DOC anche i sintomi di un disturbo depressivo. Depressione e ansia sono infatti molto spesso associati e spesso la prima è la conseguenza della seconda e la definiamo depressione reattiva o secondaria.
La psicologia emotocognitiva punta l'attenzione, nel trattamento, non tanto sulle cause che hanno generato il problema, ma soprattutto su quei processi che, oggi, lo mantengono cercando di scardinare quel loop disfunzionale che potrebbe aggravare i sintomi.
Nella prima fase del trattamento il sintomo non sarà qualcosa da eliminare ma sarà un alleato che ci permetterà di comprendere come l'organismo si è organizzato, dopodiché, in tempi molto più brevi di quanto si possa pensare, si procederà con tecniche che tenderanno a scardinare i processi circolari che sostengono il problema ripristinando senso di volizione e migliorando la situazione di vita del paziente. Tutto, ovviamente, senza uso di farmaci ma attraverso evolute tecniche di tipo psicologico che mirano a mettere in azione, in modo funzionale, gli stessi processi psicofisiologici che hanno prodotto in precedenza il problema.

a cura del
Dott. Marco Baranello


Dipartimento | SRM Psicologia | Psyreview Rivista di Psicologia | Contatti e Informazioni


Psicologia Indirizzo Clinico - Dipartimento Psicologia Emotocognitiva Applicata
studio ricerca e formazione scientifica in psicologia clinica e psicopatologia generale
centri per il trattamento psicologico di riabilitazione in caso di sintomi e disturbi psicologici
DIRETTORE SCIENTIFICO: Dott. Marco Baranello

Hit Counter